Dopo il lockdown da pandemia, documentato da una mostra collettiva, Todimmagina quest’anno getta uno sguardo sul nuovo presente post-Covid-19 e sul futuro prossimo che ci aspetta.
What’s next di Alberto Giuliani ci rivela le frontiere estreme della scienza alle prese con la sopravvivenza stessa dell’umanità, tra cambiamenti climatici e insidie biologiche. Un viaggio intorno al mondo con personaggi e scenari da science-fiction, come gli astronauti che su un vulcano delle Hawaii sperimentano la vita su Marte o gli esperti in crioconservazione umana che sembrano usciti da un romanzo di Philip Dick.
Di questo futuro che è già presente diventa metafora visiva Sophia, il robot umanoide fotografato da Giulio Di Sturco frutto degli studi più avanzati nel campo dell’intelligenza artificiale. Sempre nel mondo della ricerca, le scienziate ritratte da Gerald Bruneau per la Fondazione Bracco testimoniano l’impegno delle donne, come simbolo di eccellenza e di reazione contro la disparità di genere. E donne sono anche le dieci fotografe protagoniste della mostra collettiva curata dalla BAM di Antonio Manta, che con altri esperti sarà protagonista di una conferenza sulla fotografia al femminile.
Il discorso sulla ricerca di un futuro sostenibile continua con la mostra di Zoe Vincenti che ha fotografato Mirapuri, una comunità e il suo modello di società libera e pacifica basato non sulla scienza, ma su pratiche antiche come lo yoga integrale, mettendo in primo piano il rapporto di equilibrio tra uomini e natura. Che il passato possa ispirare il futuro ce lo mostrano anche le foto di Carlo Riccardi raccontando l’Italia del dopoguerra, del miracolo economico e della Dolce Vita e che, in un presente incerto come questo, sono un esempio ottimista di ripartenza felice.
Altre mostre, conferenze, performance e workshop animano il programma, tra vecchi amici del festival – come Fabio Lovino, Angelo Turetta, Luciano Corvaglia, la TAG Tevere Art Gallery – e novità, come il Bookshop curato dalla casa editrice Postcart di Claudio Corrivetti o l’angolo Amarcord con le foto trouvée della galleria “il museo del louvre” di Giuseppe Casetti.

Aprirà il Festival la proiezione del film-documentario Let’s go di Antonietta De Lillo.
In chiusura, una performance del Quintetto Tebaldi, formato da allieve dell’Accademia del Teatro alla Scala.

Tutti gli eventi, oltre a interviste, special e reportage, saranno visibili sulla Web-TV attiva sul sito di Todimmagina 24h su 24, in diretta e on demand.

L’INGRESSO ALLE MOSTRE, ALLE PERFORMANCE E ALLE CONFERENZE È GRATUITO E NEL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTI-COVID 19

ORARIO DELLE MOSTRE: 9:00-19:00

FESTIVAL DI FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA

Todi, 16 – 25 ottobre 2020 / Seconda edizione

WEB
todimmagina.it
facebook.com/todimmagina
[email protected]

DIRETTORE ARTISTICO

Marcello Mencarini
[email protected]

IT MANAGER

Cristian Pozzer
[email protected]

MARKETING & ADVERTISING
Lucia Gardin
[email protected]
+39 339 4776521

UFFICIO STAMPA
Emanuela Marotta
[email protected]
tel. 340 2720063

SOCIAL MEDIA MANAGER
Giovanna Fortunati
[email protected]

RESPONSABILE REDAZIONE
Monica Di Giacinto
[email protected]

ORGANIZZATORI
Agenzia fotogiornalistica Rosebud2The Language Center, TodiMaMoGallery, Arles

Con il patrocinio del Comune di Todi, dell’ente La Consolazione E.T.A.B. e di Pro Todi